Poco tempo? Dammi 5 minuti, te ne rendo 60!

A me piace scrivere. Scrivere narrativa. Perdio. Non mi piace perdere tempo dietro mille compiti noiosi e ripetitivi. I social, le notifiche, Gmail, il blog, la promozione… voglio scrivere.
La gestione del tempo è uno dei problemi principali per chi svolge un’attività creativa. Le necessità tecniche imposte dal web sembrano impossibili da far rientrare nel normale corso di una giornata.

Ecco allora una serie di consigli coi quali guadagnare un’ora ogni giorno: ne ho applicati diversi, ottenendo perfino più risultati di quando mi stressavo!

Valuta quali puoi usare nell’immediato.

 

    1. Crea un piano quotidiano con i compiti obbligatori e quelli accessori. Se scrivi un elenco di compiti quotidiani questa ansia da prestazione ti passa e soprattutto ti accorgi che per 5 condivisioni su Facebook impieghi meno di un minuto! Lo stesso vale per qualunque attività. La parola “tempo” apre un concetto di infinito. Se circoscrivi, ti accorgi che moltissime operazioni sono veloci e automatiche, quando le effettui davvero.
    2. Crea un calendario editoriale del blog. Ricorda che non sei un blogger puro, puoi pubblicare una volta alla settimana. Due sei vuoi strafare. Stabilisci un giorno di scrittura, uno di pubblicazione (non è detto che debbano coincidere).
    3. Crea una checklist personalizzata per prima e dopo la pubblicazione di un post. PRIMA: hai riletto? Hai creato l’immagine? DOPO: hai creato notifiche automatiche? Ti sei pinnato su Pinterest? — e via così. Verifica la checklist e scoprirai un innegabile vantaggio di tempo (facendo molte più cose utili).
    4. Sfrutta i tempi morti per appuntare e scrivere i punti chiave degli articoli. Quando sei in viaggio o attendi un mezzo pubblico, non giocare a Candy Crush Seppia! Rifletti e appunta idee per articoli. Inquadra pure una lista di punti chiave per alcuni di questi. Puoi usare EVERNOTE per avere lo stesso foglio di appunti su ogni apparato, lavorando sulle medesime idee.
    5. Non pensare: leggi! Questo articolo è nato da un commento su questo stesso blog. In ogni caso puoi sempre partecipare a un blog meme, allungare una lista altrui, unire tre articoli diversi… non sei uno scienziato o un analista sociale, il tuo mestiere è diffondere le cose che scopri. E’ nei romanzi che devi essere creativo. Quindi nel blog o nelle altre attività laterali pensa poco e non sprecare tempo a innovare. C’è chi è pagato milioni di dollari per innovare. Chiaramente se leggi tanto e fai tante ricerche approfondite i tuoi articoli brilleranno. I 5 errori della scrittura li sanno anche i sassi ormai. I 75 errori che puoi fare nell’incipit forse no!
    6. Stabilisci un modello base per gli articoli del blog, e seguilo. Se hai una scaletta li scriverai molto più velocemente. Puoi scrivere la lista finale globale in 300 punti, oppure 30 liste in dieci punti. Il meccanismo è il solito: introduzione, argomenti punto per punto, approfondimento e conclusione. Chiaramente puoi aggiungere il tuo stile personale. Ma è un blog, accidenti, non il tuo romanzo!
    7. Crea un modello grafico per le immagini del blog e riciclalo. Puoi usare PABLO per fare in fretta, oppure crea un’imagine standard con GIMP, salvala come .xcf e quindi cambia volta volta colori, sfondo e testo per dare vita a immagini sempre diverse. Con un modello pronto e già verificato il risparmio di tempo è notevole.
    8. Razionalizza le email. Se usi Firefox, un plugin come “Better Gmail 2” migliorerà la fruizione e la compilazione. Altri browser hanno sicuramente add on specifici.
    9. Smetti di seguire le newsletter che non ti sono utili. Devo spiegare perché?
    10. Usa i bookmark e la pagina principale del browser per organizzare la navigazione alla velocità della luce.  Ho inserito e razionalizzato i miei segnalibri sulla barra apposita di Firefox. I primi sono tecnici (Gmail, Mailchimp, la bacheca del blog). Poi ho messo i vari social (Facebook, Twitter, Pinterest), poi i siti tecnici di servizi che uso (Pablo, KUKU, SocialBro, Bit.ly), quindi le piattaforme di distribuzione dei miei libri (Smashwords, CreateSpace). Creando dei Separatori ho organizzato ancora meglio. Selection_160
      Con un click destro sui segnalibri ho selezionato Proprietà, quindi ho cambiato il nome in una sillaba, così che ve ne entrassero molti di più che a nome intero.
      In questo modo non dimentico niente, e lancio tutto quel che mi serve all’avvio: la posta, il blog, i social e le dashboard dei distributori. Per i blog che seguo invece, ho preferito usare la pagina iniziale, “pinnandoli”. In questo modo ogni volta che apro un tab li ho davanti e posso decidere part time di andare a leggerli e commentare. Non affollo ulteriormente la barra dei segnalibri e tutto è più logico.
      Selection_163
    11. Riordina i contenuti sul PC. Sfrutta le sottocartelle e crea cartelle “funzionali” agli scopi a cui servono.

Ho modificato la struttura delle cartelle in questo modo:
DOCUMENTI

ROMANZI
COMPLETI SMASHWORDS

     COMPLETI CREATESPACE

     DRAFTS <- testi incompleti

     COPERTINE

GUIDE PDF <- materiale scaricato dal web

APPUNTI

BLOG

ARTICOLI

IMMAGINI BLOG

BRAND <- foto e descrizioni da riciclare

FOTO

CURIOSITA’ <- foto raccolte a caso, una sorta di cestino delle foto.

MATERIALE

     WEB <- icone, sfondi e mockups

     FOTO STOCK

     VETTORI

RICORDI <- le mie foto personali!!!

Adesso so perfettamente dove si trova tutto quanto in funzione dello scopo per il quale viene usato, lo raggiungo con un click e risparmio preziosi minuti.

  1. Cancella le APP che non usi. Anche in questo caso mi sembra ovvio il perché.
  2. Se puoi, preferisci applicazioni OFFLINE per i compiti principali. Ad esempio per creare i tuoi testi di narrativa, o per scrivere gli articoli del blog. Avrai minori distrazioni.
  3. Impara il linguaggio markdown WordPress. Non sai quanto tempo si risparmia formattando il tutto prima. Puoi scrivere in un normale editor di testo usando particolari codici. Ad esempio, il carattere # crea un titolo di primo livello, ## un titolo di secondo livello, > una citazione. Copia tutto, incollalo in un nuovo articolo e hai risparmiato la fatica (e il tempo) di formattare. Impara inoltre le scorciatie da tastiera. CTRL+B per il grassetto, CTRL+I per il corsivo.
  4. Crea in anticipo notifiche automatiche sui social (KUKU.io). Ne ho parlato mille volte. Appena pubblicato un post, crea delle nuove segnalazioni dell’articolo a più riprese sui vari social network. Non dovrai promuoverli di nuovo e mentre dormi avrai la tua follow up.
  5. Usa Zapier per automatizzare compiti noiosi. Iscrivendoti a Zapier puoi creare degli ZAPS, ovvero delle azioni che si attivano all’accadimento di qualcosa. Qualcuno ti segue su Twitter? Aggiungilo automaticamente a G+ con Zapier!
  6. Iscriviti a siti di foto stock gratuite in bundle. In questo modo scarichi un largo numero di foto libere da diritti in tema, senza doverle scegliere una per una. In seguito potrai consultarle e usarle nel blog o nelle promo. Un esempio è ByPeople.
  7. Basta con quegli indici! Impara a scrivere con almeno 5 dita (2 della sinistra e 3 della destra). Il 15% di battute in più sono davvero molti minuti risparmiati!
  8. RILASSATI! Talvolta una passeggiata di 10 minuti ti mette nell’ordine mentale e fisico di affrontare con più solerzia il lavoro quotidiano. Investi nel benessere, il resto è molto meno importante.

post1

Questi sono i trucchi che ho trovato fino ad ora. Ce ne saranno tantissimi altri. Avete due secondi da investire per suggerire qualcosa?

Annunci

13 thoughts on “Poco tempo? Dammi 5 minuti, te ne rendo 60!

      1. Sull’uso più efficiente delle energie, il tuo ultimo consiglio, il n°18, è perfettamente adatto alla richiesta! Allargando un po’ (sempre in merito alla necessità di attingere energie utili) potrei già consigliarti l’ultimo mio post. Facci un giro, e dimmi cosa ne pensi!

        Mi piace

  1. Per ora solo grazie, sembra tu abbia scritto questo articolo per me! Poi torno con calma. La gestione del tempo è uno dei miei temi preferiti. Sarà forse perché tengo famiglia, full time job, tre blog, un corso e una serie di romanzi appena iniziata? 😁

    Mi piace

    1. Hai usato account diversi (uno è del sito WP, uno la mail credo). Già, il multitasking femminile! A noi uomini manca, sarebbe utilissimo. Spero tu possa guadagnare qualche minuto in più, a questo punto proprio per riprendere fiato!

      Liked by 1 persona

  2. Ma io stamattina ho commentato O_O Boh? Comunque dicevo: sembra tu abbia scritto questo articolo per me! Ho trovato delle buone idee e qualcuna ce l’ho anch’io, ma adesso devo correre (tanto per cambiare) e mi tocca tornare con calma nel fine settimana. Bravo Gas. Insomma, continui a finirmi in Evernote negli articoli da conservare.

    Mi piace

  3. Seguo già molti dei tuoi consigli, dovrei lavorare di più sul blog, ma mi risulta impossibile avere un calendario editoriale, finora si è rivelato una perdita di tempo. Ottengo più risultato scrivendo i post quando mi sento ispirata, parlando di quel che mi interessa in quel momento, e solo dopo aver finito la sessione di scrittura quotidiana obbligatoria (cioè un capitolo del romanzo).

    Per quanto riguarda le newsletter, non sono certa che sia una buona idea smettere di seguire altri blog, anche se è vero che alcuni non sono sempre interessanti e possono farci perdere tempo, ma l’aspetto sociale del blogging non va sottovalutato e a lungo andare potrebbe rivelarsi utile aver mantenuto il contatto. Io per ora mi gestisco così: continuo a ricevere le newsletter, ma se non ho tempo o se il contenuto non mi pare interessante le cancello e passo oltre (a differenza dell’anno scorso che mi costringevo a leggerle tutte e passavo 3/4 ore al giorno sui blog, cosa che ora non avrei proprio più tempo di fare).

    Mi piace

    1. Ciao Lisa! Tieni conto che spesso ci si iscrive a newsletter di servizi o software magari scaduti, o di altro tipo. Quelle affollano le caselle e non ci servono più (e a volte sono brave a farti perdere quei 3 minuti di troppo!).

      Liked by 1 persona

      1. Hai ragione! Ci ho fatto caso, stamattina ho contato dodici mail da cestinare senza aprire!
        A volte si pensa di far prima a cancellarle senza aprirle, pensando che magari un giorno potrò tornare a interessarmi al loro contenuto, ma è meglio cancellare l’iscrizione e dedicare quei tre preziosi minuti a qualcosa di meglio!

        PS: Sto leggendo il tuo libro, è fantastico, non sono amante dei racconti brevi ma questi sono davvero da dieci e lode! Complimenti. Hai scritto post su come/dove/quando/perché hai scritto i racconti? Come sta andando l’auto-pubblicazione?

        Mi piace

      2. Allora… per sapere qualcosa di come scrivo e cose singolari c’è un articolo in questo blog (Intervista su Se piovessero Libri). Per quel che riguarda il self va bene, meglio di quello che credevo! Ma pubblicherò presto aggiornamenti e cifre certe.

        Mi piace

  4. È una bella intervista, ci sono alcune storie interessanti, come quella della copertina… davvero ci hai messo così tanto a decidere? Meno male che ti si è sdoppiato per sbaglio l’elefante, altrimenti eri ancora lì che cambiavi idea ogni giorno 😀

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...